Narrative tenses

Le vacanze estive stanno per concludersi e chissà quante esperienze e quante avventure avete da raccontare ai vostri amici al rientro a scuola o al lavoro! Ecco perché ho pensato di dedicare questo post ai Narrative Tenses, ossia a quei tempi verbali che dobbiamo usare quando vogliamo raccontare eventi passati in inglese.
E per presentarvi i Narrative Tenses ho scelto questo bel video realizzato dalla Pearson per il corso di inglese Focus 3.

Se vi sembra che il narratore parli troppo velocemente, cliccate sulla rotellina in basso a destra sulla schermata del video per ridurre la velocità di riproduzione.

“It was a beautiful summer day and the sun was shining. Peter and Jessica were at a lake with friends they were sitting on the grass talking and sunbathing.
After a few hours Jessica and Peter got a bit bored. They went to a boat rental and they rented a canoe. There was a little island in the middle of the lake. Jessica suggested going there.
When they were getting close to the island, the wind became much stronger and it started to rain. Suddenly the canoe hit some stones on the bottom and it started to fill up with water. Peter jumped out of the canoe and tied it to a tree. They hid under the tree and waited for the rain to stop. The weather improved, but they couldn’t use the canoe.
Jessica wanted to phone their friends, but her phone had fallen into the water and it didn’t work. Peter had left his phone on the shore.
Peter decided to swim to the shore, take another canoe and return to collect Jessica.
He swam the distance quickly, but when he got to the boat rental, he found out that a group of Hungarian tourists, who were staying at the campsite near the lake, had rented all the canoes and boats. Fortunately, the boat rental man had taken the mobile phone number of one of the tourists, he phoned him and asked for help. The Hungarian tourist promised to go to the island and bring Jessica back in his canoe.
Jessica was sitting on the damaged canoe and waiting for Peter when she suddenly noticed a big group of people in canoes and boats who were paddling towards her.
She was a bit scared, especially when they started to call her name, but really happy when it turned out that they had come to rescue her.”

Quali tempi verbali inglesi avete riconosciuto nel video?

Di sicuro il Past Simple, il tempo verbale che dobbiamo usare per parlare di azioni o situazioni iniziate e concluse in un momento preciso del passato:
Es. Yesterday I went to the cinema with my friends
Ieri sono andata al cinema con i miei amici.

Del Past Simple abbiamo già parlato più volte, per cui, per la spiegazione, vi rimando ai post Past Simple – Irregular Verbs e William Shakespeare – The Life, nei quali troverete, tra le altre cose, anche degli esercizi da fare online.

Un altro tempo verbale che troviamo nel video è il Past Continuous – il tempo che dobbiamo usare per parlare di azioni o situazioni in corso in un preciso momento del passato:
Es. Yesterday at 2 pm I was reading a book
Ieri alle 2 del pomeriggio stavo leggendo un libro.

Vediamo insieme come si costruisce.
La costruzione della forma affermativa la possiamo ricavare dall’esempio appena proposto:
I was reading a book – sogg + was/were + forma ING del verbo.

Per la costruzione della forma negativa basta aggiungere NOT dopo il verbo essere:
sogg + was/were + NOT+ forma ING del verbo – I was not reading a book

oppure, se usiamo la forma contratta:
sogg + wasn’t/weren’t+ forma ING del verbo – I wasn’t reading a book.

La forma interrogativa, invece, si costruisce invertendo la posizione del soggetto con quella del verbo:
was/were + sogg + forma ING del verbo – Was I reading a book?

A proposito della FORMA ING, questa, generalmente, si costruisce aggiungendo ING al verbo:
Es. read ⇒  reading:

Ma:
– se il verbo termina per E muta (non si sente): la E finale cade e si aggiunge ING
Es. shine ⇒ shining: The sun was shining
– se il verbo è monosillabico e termina per consonante preceduta da una vocale: la consonante finale raddoppia e si aggiunge ING
Es. sit ⇒ sitting: Peter and Jessica were sitting on the grass
– se il verbo termina per IE: IE diventa Y e si aggiunge ING
Es. die ⇒ dying: It’s too hot, the flowers are dying.

Attenzione: ci sono verbi che, riferendosi a uno stato più che a un’azione, non sono normalmente usati nella forma “continuous”, anche se esprimono azioni o situazioni in corso in un momento del passato. Questi verbi sono i cosiddetti stative verbs e includono:
– be, have (con il significato di possedere), own, possess, belong
– like, love, dislike, hate, need, prefer, mind, etc.
– see, smell, hear, taste, feel (riferito al tatto), etc.
– want, know, understand, forget, believe, etc.

Quindi, se vi capita di dover usare uno stative verb, ricordatevi che va al Past Simple:
Es. Yesterday I baked a cake and the kitchen smelt delicious!
Ieri ho fatto una torta e la cucina aveva un odore delizioso.

Il terzo tempo verbale che troviamo nel video è il Past Perfect -il tempo che dobbiamo usare per parlare di un evento passato accaduto prima di un altro evento, anch’esso passato:

Es. Last week I went to work by bus because my car had broken down
La settimana scorsa sono andata al lavoro in autobus perché mi si era rotta la macchina.

Vediamo insieme come si costruisce la forma affermativa:
sogg + HAD + PARTICIPIO PASSATO verbo principale – My car had broken down.

Per la costruzione della forma negativa basta aggiungere NOT dopo HAD:
sogg + HAD + NOT + PARTICIPIO PASSATO verbo principale – My car had not broken down

oppure, se usiamo la forma contratta:
sogg + HADN’T + PARTICIPIO PASSATO verbo principale – My car hadn’t broken down.

La forma interrogativa, invece, si costruisce invertendo la posizione del soggetto con quella di HAD:
HAD + SOGG + PARTICIPIO PASSATO verbo principale? – Had my car broken down?

Per fissare meglio i vari tempi verbali presentati, vi lascio qui i link ad alcuni esercizi che ho scelto per voi:
Past Simple vs Past Continuous – Exercise 1
Past Simple vs Past Continuous – Exercise 2
Past Simple vs Past Continuous – Exercise 3
Past Simple vs Past Perfect – Exercise 1
Past Simple vs Past Perfect – Exercise 2
Narrative tenses – Exercise 1
Narrative tenses – Exercise 2.

A questo punto, non ci resta che mettere a confronto i vari Narrative Tenses per capire meglio come utilizzarli.
Quando si racconta una storia, si usa il Past Continuous per descrivere un’azione o una situazione che si è protratta per un certo periodo di tempo nel passato, mentre si usa il Past Simple per parlare di un’azione o di una situazione più breve e improvvisa che l’ha interrotta:

Es. When they were getting close to the island, the wind became much stronger and it started to rain
Quando si stavano avvicinando all’isola, il vento si è fatto più forte e ha cominciato a piovere.

Il Past Perfect, invece, lo usiamo per dare dinamicità alla storia attraverso dei flashback:

Es. Jessica wanted to phone their friends, but her phone had fallen into the water and didn’t work
Jessica voleva chiamare i loro amici, ma il telefono era caduto in acqua e non funzionava.

Ora che abbiamo capito come e quando usare i Narrative Tenses, direi che è arrivato il momento di mettere tutto in pratica. Siete pronti a raccontare una vostra avventura o disavventura? Come sempre, inizio io:
Saturday evening I was watching a film on TV when someone rang my doorbell. I was quite surprised because I wasn’t expecting anyone and it was quite late. I was even more surprised when I opened the door and found a young man with a beautiful bunch of flowers standing on my landing. Were they for me? When I saw the embarrassed look on his face, I immediately realised that they weren’t for me and that he had rung the wrong doorbell! Oh well!

Buon lavoro! j

 


Janet L. Dubbini

snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake snowflake
%d bloggers like this:
Skip to toolbar